IL CONTO

NOZIONE DI CONTO

SCRITTURE CONTABILI

Si chiamano scritture contabili tutte quelle scritture che usano come strumento il conto.

NOZIONE DI CONTO

Per conto si intende una serie ordinata di scritture relative ad un dato oggetto.

Esempio: il conto Cassa ha per oggetto il denaro. Il conto conto Merci c/vendite (si legge merci conto vendite) ha per oggetto le merci vendute. Il conto Crediti v/ clienti (si legge crediti verso clienti) ha per oggetto i crediti vantati dall'azienda nei confronti dei clienti.

Scopo di queste scritture è quello di evidenziare l'aspetto quantitativo e qualitativo dell'oggetto in esame con riferimento ad un certo istante e ad un certo lasso di tempo.

Esempio. Il conto Cassa evidenzia:

  • a quanto ammonta il denaro presente in azienda in un certo istante, ad esempio al termine della giornata (aspetto quantitativo della cassa);
  • quali sono le entrate e le uscite che hanno portato ad avere quell'importo al termine della giornata (aspetto qualitativo della cassa);
  • se il denaro presente in azienda è aumentato o diminuito rispetto ad un mese fa (aspetto qualitativo);
  • quali sono le ragioni di tale aumento o diminuzione, quindi quali pagamenti e quali incassi lo hanno determinato (aspetto qualitativo).

SIGNIFICATO DEL TERMINE

Il termine conto deriva dal latino computare.

CONTI A QUANTITA' E CONTI A VALORE

L'aspetto quantitativo del conto può essere espresso sotto forma:

  • di quantità fisiche. Esempio: il conto Merci c/vendite può evidenziare i chili di merce venduta o le scatole di merce venduta;
  • di valori. Esempio: nel conto Merci c/vendite viene evidenziato il valore delle merci vendute (30 €, 50 €, 80 €, ecc..).

I conti che hanno per oggetto un insieme di elementi sono sempre conti a valori. Esempio: se nel conto Merci c/vendite rileviamo le vendite di scrivanie, scaffali e lampade. Il conto deve essere necessariamente a valori dato che altrimenti esso esprimerebbe dati poco significativi.

I conti funzionano a valori anche nel caso di un insieme di conti tra loro coordinati che hanno un oggetto complesso.

Quando i conti usati sono conti a valori, lo strumento di misura che traduce le quantità fisiche in valori prende il nome di moneta di conto. Nel nostro paese la moneta di conto è l'euro.

CLASSIFICAZIONE DEI CONTI

Varie possono essere le classificazioni dei conti. Ciò dipende dall'aspetto preso in esame che può essere l'estensione dell'oggetto o le informazioni fornite dal conto o ancora la forma del conto o il suo contenuto.

TERMINOLOGIA RELATIVA AI CONTI

Per comprendere il funzionamento dei conti occorre conoscere la terminologia tecnica che viene usata con riferimento ad essi.

 
 
 


MarchegianiOnLine.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter