www.EconomiAziendale.net   
  Home Newsletter Contatti Chi sono  
     

 

     

 

 

I finanziamenti

Capitale proprio e capitale di terzi

 

 

 

FINANZIAMENTI

Ogni impresa, per poter svolgere la propria attività ha bisogno di mezzi finanziari: essi servono per acquistare gli impianti, i macchinari, le merci, pagare gli stipendi ai dipendenti, ecc..

Il capitale acquisito dall'impresa può assumere la forma di:

  • capitale proprio;
  • capitale di terzi.

 

CAPITALE PROPRIO

Il capitale proprio è detto anche capitale di proprietà. Esso costituisce i cosiddetti finanziamenti interni.

Il capitale proprio è formato dai mezzi finanziari apportati direttamente dall'imprenditore, nel caso di un'impresa individuale, o dai soci, nel caso di società.

Il capitale proprio rimane nell'impresa, normalmente, per tutta la sua vita: infatti, per il capitale proprio non è previsto un termine per il rimborso. A volte, può accadere, che esso venga in parte restituito ai soci perché si ritiene che sia eccessivo rispetto alle esigenze dell'impresa e a quelli che sono i suoi obiettivi

La remunerazione del capitale proprio è rappresentata dagli utili conseguiti dall'impresa. Quindi, se l'impresa chiude l'esercizio con un utile il capitale di proprietà avrà una remunerazione, mentre se l'esercizio si chiude con una perdita il capitale proprio viene ridotto per il suo ammontare. Di conseguenza la remunerazione del capitale proprio è:

  • incerta, perché potrebbe anche non esserci;
  • variabile, perché la sua entità non è costante nel tempo.

 

Il rimborso del capitale proprio è solo eventuale: infatti, al termine della vita dell'impresa, una volta venduti tutti i beni dell'azienda, incassati i crediti e pagati tutti i debiti, se residuano delle somme queste vengono rimborsate all'imprenditore o ai soci, altrimenti no. Per questo si dice che il capitale proprio è un capitale a pieno rischio

Il capitale proprio, a sua volta, si divide in:

  • capitale di risparmio.

 

CAPITALE DI TERZI

Il capitale di terzi è detto anche capitale di prestito. Esso costituisce i cosiddetti finanziamenti esterni.

Il capitale di terzi è dato dalle somme prestate dai terzi all'impresa: tali somme rappresentano dei debiti per l'azienda.

I finanziamenti esterni devono essere restituiti alle scadenze convenute e su di essi deve essere pagato l'interesse concordato a prescindere dal risultato economico conseguito dall'impresa (utile realizzato o perdita subita). Quindi la remunerazione del capitale di terzi è:

  • certa, perché deve essere sempre pagata a prescindere dal risultato economico conseguito dall'impresa. Proprio perché su tali finanziamenti è sempre dovuta la remunerazione si parla anche di fonti di finanziamento onerose;
  • di entità nota a priori, dato che le parti concordano da subito quale sarà l'interesse da corrispondere.

 

Per ciò che concerne la scadenza, i finanziamenti esterni possono essere:

  • a breve termine, cioè con una scadenza che non supera i 12 mesi;
  • a medio termine, cioè con scadenza compresa tra 1 e 5 anni;
  • a lungo termine, cioè con scadenza oltre 5 anni.

 

Il capitale di terzi è soggetto al rischio d'impresa solo indirettamente. Per essi, infatti, è sempre previsto il rimborso alla scadenza, tuttavia se l'impresa si trova in difficoltà potrebbe anche arrivare a non essere in grado di restituire tali somme ai creditori.

I finanziamenti esterni si differenziano, a loro volta, in:

  • debiti di funzionamento.

 

Torna all'elenco delle lezioni su finanziamenti e investimenti

 
 

 
 
 
   
 

Lezioni:

L'attività economica

L'azienda

Il sistema aziendale

La gestione

Finanziamenti e investimenti

Il capitale

Il reddito

Scritture contabili, sistemi e metodi

IVA

Scritture iniziali, di gestione e finali

Il bilancio contabile

 

Scritture contabili
Schede conti
Bilancio
Esercitazioni
Le vostre domande
Ripetizioni On Line  
 

   
 
www.MarchegianiOnLine.net
 
LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
www.StoriaFacile.net
 
www.SchedeDiGeografia.net
 
www.LeMieScienze.net

 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681