AZIENDE PICCOLE, MEDIE E GRANDI

LE AZIENDE SECONDO LE DIMENSIONI

DIMENSIONE DELLE AZIENDE

A seconda della dimensione le aziende si classificano in:

  • piccole imprese;
  • medie imprese;
  • grandi imprese.

VARIABILITA' DELLA DIMENSIONE

Il concetto di dimensione aziendale è piuttosto vago soprattutto per due ragioni:

  • la prima è data dal criterio in base al quale viene stabilita la dimensione aziendale;
  • la seconda è data dal contesto legislativo.

Innanzitutto va detto che la dimensione di un'azienda può essere stabilita con riferimento a vari parametri di riferimento come il numero dei dipendenti, il fatturato, il capitale sociale, gli investimenti fissi, ecc...

Se consideriamo un'azienda in base a due diversi parametri di riferimento essa potrebbe essere variamente classificata. Esempio: un'azienda potrebbe essere una piccola impresa per numero di dipendenti e una media impresa per volume di fatturato.

Anche la legislazione non sempre adotta gli stessi criteri di classificazione. Ad esempio, le leggi nazionali e quelle europee possono non considerare appartenenti alla stessa categoria le aziende dotate di un certo parametro dimensionale. Oppure ci possono essere differenze tra norme civili e fiscali.

DIMENSIONE E MERCATO

La dimensione di un'azienda risente anche del mercato in cui essa opera. Esempio: un'azienda che può essere considerata una grande azienda a livello locale può essere una piccola impresa a livello nazionale e ancor di piùa livello mondiale.

Enrico Cavalieri afferma che la dimensione è un carattere globale e complesso della gestione e, come tale, legata sia all'insieme delle condizioni interne della gestione, sia ai mercati con i quali l'impresa entra in contatto attraverso gli scambi nei momenti terminali del processo operativo.

NORME COMUNITARIE

Secondo le norme comunitarie le imprese si differenziano in:

  • micro imprese se hanno:
    • meno di 10 dipendenti;
    • fatturato non superiore 2 milioni di euro oppure totale di bilancio non superiore a 2 milioni di euro;
  • piccole imprese se hanno:
    • meno di 50 dipendenti;
    • fatturato non superiore 10 milioni di euro oppure totale di bilancio non superiore a 10 milioni di euro;
  • medie imprese se hanno:
    • meno di 250 dipendenti;
    • fatturato non superiore 50 milioni di euro oppure totale di bilancio non superiore a 43 milioni di euro;
  • grandi imprese se vengono superati i parametri precedenti.

CODICE CIVILE

Secondo il Codice civile sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un'attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia (art. 2083 Codice civile).

NORME FISCALI

Le norme fiscali nazionali usano come parametro per individuare la dimensione dell'impresa i ricavi.

In base a questo criterio si stabilisce che sono imprese in contabilità ordinaria:


Le imprese individuali e le società di persone che non superano questi limiti sono in contabilità semplificata. Queste ultime hanno minori obblighi contabili e fiscali.

 
Per approfondire:
 
 


MarchegianiOnLine.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter