CLASSIFICAZIONE DEI RENDICONTI

VARI TIPI DI RENDICONTI

CLASSIFICAZIONE DEI RENDICONTI

I rendiconti possono essere classificati in base:

  • ai destinatari;
  • all'oggetto;
  • alla forma;
  • al momento in cui sono compilati;
  • all'aspetto della gestione esaminato;
  • alla periodicità.

RENDICONTI IN SENSO STRETTO E IN SENSO LATO

Nelle aziende individuali i rendiconti sono redatti affinché l'imprenditore possa conoscere i risultati conseguiti per effetto della gestione o per effetto di singole operazioni aziendali. Il documento destinato allo stesso imprenditore, che non deve rendere conto a terzi del suo operato. In questo caso, quindi, il rendiconto è un rendiconto in senso lato che ha solamente scopi conoscitivi.

Nelle società, il rendiconto viene redatto, non solo per conoscere i risultati conseguiti, per effetto della gestione o di singole operazioni aziendali, ma anche al fine di consentire ai soci e agli eventuali organi di controllo di sorvegliare l'operato degli amministratori: in questo caso viene redatto un rendiconto in senso stretto.

RENDICONTI PARZIALI E GENERALI

A seconda del loro oggetto i rendiconti possono essere:

  • parziali, quando analizzano singole operazioni;
  • generali, quando analizzano l'intera gestione.

RENDICONTI ANALITICI E SINTETICI

A seconda della loro forma i rendiconti possono essere:

  • analitici, se esaminano e rappresentano in modo dettagliato le operazioni compiute e i risultati conseguiti;
  • sintetici, se esaminano e rappresentano in modo conciso le operazioni compiute e i risultati conseguiti. Ai rendiconti sintetici possono essere allegati dei documenti di maggiore dettaglio in modo da fornire, sia un quadro riassuntivo e di facile lettura delle operazioni oggetto di esposizione, che dei dati di approfondimento.

RENDICONTI DI IMPIANTO, DI GESTIONE, DI LIQUIDAZIONE

A seconda del momento in cui sono compilati i rendiconti si differenziano in:

  • rendiconti di impianto, redatti al momento della costituzione dell'azienda;
  • rendiconti di gestione o di esercizio, redatti durante la gestione dell'azienda;
  • rendiconti di liquidazione, redatti al momento della cessazione dell'attività.

RENDICONTI PATRIMONIALI, ECONOMICI, FINANZIARI

A seconda dell'aspetto della gestione esaminato, il rendiconto può essere:

  • patrimoniale, se mette in evidenza il patrimonio aziendale esistente ad un dato momento;
  • economico, se mette in evidenza i costie i ricavi, le spesee le rendite, sostenuti e conseguiti in un dato lasso di tempo;
  • finanziario, se mette in evidenza le entrate e le uscite finanziarie intervenute in un dato periodo di tempo.

RENDICONTI ORDINARI E STRAORDINARI

A seconda della loro periodicità i rendiconti si differenziano in:

  • rendiconti ordinari, compilati ad intervalli regolari di tempo;
  • rendiconti straordinari, redatti solamente in particolari momenti della vita dell'azienda.

BILANCIO D'ESERCIZIO

Nelle aziende di produzione il più importante rendiconto è il bilancio d'esercizio. Esso è un rendiconto:

  • generale, che mette in evidenza i risultati dell'intera azienda;
  • patrimoniale, economico e finanziario, poiché mostra l'aspetto patrimoniale, economico e finanziario della gestione;
  • ordinario, perché redatto periodicamente al termine di ogni periodo amministrativo.

 
 


MarchegianiOnLine.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net