ABBUONI, SCONTI, ARROTONDAMENTI

LE SCRITTURE RELATIVE AD ABBUONI, SCONTI, ARROTONDAMENTI

RETTIFICHE DEI COSTI DI ACQUISTOE DEI RICAVI DI VENDITA

Nella pratica commerciale può accadere che la merce consegnata non corrisponda a quella ordinata in quanto si riscontrano delle differenze qualitative o quantitative. Può anche capitare che la merce consegnata corrisponda esattamente a quella ordinata, ma vi sia stato un ritardo nella consegna.

Queste situazioni possono verificarsi sia nel caso in cui l'azienda acquista delle merci, che nel caso in cui le vende.

In queste ipotesi le parti possono decidere:

  • che la merce venga restituita. Si avranno allora un reso su acquisti o un reso su vendite;
  • che al compratore venga accordato un abbuono, ovvero una riduzione del prezzo pattuito, in modo da compensare il disagio che ha avuto.

ABBUONI ATTIVI E PASSIVI

Così come accade per i resi su acquisti e per i resi su vendite, anche gli abbuoni, essendo delle rettifiche ai valori di costo o di ricavo, non sono rilevati direttamente in diminuzione dei valori iscritti nel conto merci c/acquisti o merci c/vendite, ma vengono rilevati in modo indiretto usando dei conti rettificativi.


Abbuoni attivi


Abbuoni passivi


Partiamo con l'esaminare cosa accade nella contabilità del compratore. Egli avrà:

  • una variazione finanziaria attiva da registrare in DARE del conto Fornitori o Debiti v/fornitori per l'importo dell'abbuono e della relativa IVA;
  • una rettifica della variazione economica negativa pari all'importo dell'abbuono da rilevare in AVERE del contoAbbuoni attivi;
  • una variazione finanziaria passiva da registrare in AVERE del conto IVA ns/debito o IVA su vendite per l'importo dell'IVA relativa all'abbuono accordato.

L'operazione è documentata da una nota di credito inviata dal fornitore all'azienda per l'importo dell'abbuono concesso e della relativa IVA. La scrittura in Partita Doppia viene effettuata al momento del ricevimento di tale documento.

Per la registrazione in Partita Doppia si veda Scritture contabili ribassi e abbuoni attivi.

Vediamo cosa accade nella contabilità del venditore. Egli avrà:

  • una variazione finanziaria passiva da registrare in AVERE del conto Clienti o Crediti v/clienti per l'importo dell'abbuono concesso e della relativa IVA;
  • una rettifica della variazione economica positiva pari all'importo dell'abbuono da rilevare in DARE del contoAbbuoni passivi;
  • una variazione finanziaria attiva da registrare in DARE del conto IVA ns/credito per l'importo dell'IVA relativa all'abbuono accordato.

L'operazione è documentata da una nota di credito emessa dalla ditta venditrice per l'importo dell'abbuono accordato e della relativa IVA. La scrittura in Partita Doppia viene effettuata al momento dell'emissione del documento.

Per la registrazione in Partita Doppia si veda Scritture contabili ribassi e abbuoni passivi.

SCONTI

L'espressione sconto può essere usata con vari significati.

Lo sconto può consistere in una riduzione del prezzo di vendita accordato a particolari clienti, oppure a coloro che effettuano acquisti di un grosso quantitativo di merce o ancora a chi effettua un pagamento in contanti, ecc..

Per sconto si intende anche il compenso che spetta al debitore per l'estinzione anticipata di un debito. Inteso in tal senso, lo sconto, a differenza dell'abbuono, non va a rettificare nessun costo e nessun ricavo.

Il debitore che estingue il suo debito prima della scadenza ha diritto ad un compenso che consiste nel pagamento, al suo creditore, di un minor importo rispetto a quanto dovuto. L'operazione determina:

  • l'estinzione del debito originario, cioè una variazione finanziaria attiva da registrare in DAREdel conto Fornitori;
  • una variazione economica positiva pari al compenso spettante per il pagamento anticipato da registrare in AVERE del conto Sconti attivi;
  • una variazione finanziaria passiva pari all'importo effettivamente pagato al fornitore che andrà registrata, ipotizzando un pagamento a mezzo banca, in AVERE del conto Banca c/c.

Per la registrazione in Partita Doppia si veda Scritture contabili sconti attivi.

Il creditore, che consente al debitore di effettuare il pagamento anticipato di quanto dovuto, dovrà rilevare:

  • l'estinzione del credito originario, cioè una variazione finanziaria passiva da registrare in AVERE del conto Clienti;
  • una variazione economica negativapari al compenso accordato al debitore per il pagamento anticipato da registrare in DARE del conto Sconti passivi;
  • una variazione finanziaria attiva pari all'importo effettivamente pagato dal fornitore che andrà registrata, ipotizzando un pagamento a mezzo banca, in DARE del conto Banca c/c.

Per la registrazione in Partita Doppia si veda Scritture contabili sconti passivi.

ARROTONDAMENTI

L'arrotondamento consiste in una piccola variazione dell'importo dovuto da parte del debitore, di pochi centesimi o di pochi euro, al fine di semplificare il calcolo del resto e anche con lo scopo di fare cosa gradita al cliente.

Anche l'arrotondamento, così come lo sconto, non vaa rettificare alcun costo o alcun ricavo.

L'arrotondamento può essere attivo o passivo.

L'arrotondamento attivo si registra quando:

  • si paga un importo inferiore rispetto a quanto dovuto;

    quando si incassa di più rispetto a quanto dovuto. Questo caso non è molto frequente perché difficilmente si chiede al debitore di pagare di più del dovuto anche se di poco.


L'arrotondamento passivo si registra quando:

  • si paga di più rispetto a quanto dovuto. Questo caso può verificarsi con una certa frequenza nell'ipotesi di pagamento delle imposte dove vige la regola generale che gli importi da versare vanno arrotondati;

  • quando si incassa di meno rispetto a quanto dovuto.

Per la registrazione in Partita Doppia si vedano:


 
Per approfondire:
 


MarchegianiOnLine.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net

Newsletter

Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter